Anomalie magnetiche

Anomalie magnetiche

Il rilevamento di anomalie magnetiche nel terreno, quali ad esempio metalli o proiettili inesplosi, avviene per mezzo dell'induzione elettromagnetica attiva (EMI) o per mezzo di magnetometri passivi. Se l'induzione elettromagnetica attiva viene utilizzata principalmente per oggetti in prossimità della superficie, i magnetometri passivi consentono di eseguire una ricerca in profondità. A seconda del tipo di controllo e del campo di impiego, gli apparecchi FOERSTER possono essere trasportati dall'operatore o dotati di un set di ruote.

FEREX: Il nome FEREX è sinonimo di apparecchi per la ricerca di ferro ad altissima sensibilità. Le diverse dotazioni consentono ad esempio anche una georeferenziazione o navigazione. Per il sondaggio di grandi superfici le sonde FEREX possono essere montate su sistemi di supporto multi-sonda.

Foro trivellato FEREX API: Il sondaggio di fori trivellati costituisce un ampliamento dell'apparecchio di ricerca FEREX. Esso consente di verificare in modo sicuro oggetti posizionati in profondità in presenza di segnali di disturbo vicini alla superficie.

DATA2LINE BASIC, GEO e UXO: DATA2LINE è il software di analisi completo per tutti gli apparecchi di ricerca FEREX. Il modulo base è ampliabile, per esempio con il modulo UXO, che consente di calcolare la possibile posizione in profondità di un oggetto.

FOERSTER MULTICAT: Il robusto carrello multi-sonda MULTICAT, in grado di procedere sui terreni, è stato sviluppato in modo specifico per il sondaggio di grandi superfici. Esso consente di coprire una superficie fino a 2 ettari l'ora. Il rilevamento e l'analisi dei dati vengono effettuati con il software ad alte prestazioni DATAMONITOR 3.

METEX: Gli apparecchi della serie METEX sono indicati in particolare per il rilevamento di bombe poste in profondità e munizioni a grappolo. Gli apparecchi di ricerca possono essere utilizzati sia nel terreno che in acque basse.

MINEX: Il sistema MINEX è stato sviluppato in modo specifico per rilevare in modo sicuro le cosiddette mine con minimo contenuto metallico o "plastiche" poste vicino alla superficie.